Cosa Sono Mutui con Tasso Cap and Floor

Quello che ha caratterizzato la crisi economica dell’ultimo periodo è stata la difficoltà con cui le famiglie che avevano stipulato un contratto di mutuo a tasso variabile, si sono trovate a combattere. Spesso la rata era arrivata livelli insostenibili con il rischio anche di perdere i beni impegnati, per questo motivo gli esperti si sono impegnati a cercare di risolvere il problema studiando nuove forme di finanziamento, una di queste è il mutuo con opzione cap and Floor, in realtà spesso si può avere anche la sola opzione cap. Si tratta di una nuova generazione di mutui che si pongono a metà tra i mutui a tasso fisso e i mutui a tasso variabile, nel tentativo di cogliere le migliori caratteristiche di entrambe le tipologie.

Il tasso fisso, infatti, è solitamente in partenza maggiormente alto del tasso variabile, il variabile invece, per i mutui che durano molto sottopone ad un’incognita sulla rata da pagare e questo è un notevole svantaggio. Il mutuo cap and floor invece, è definito mutuo a tasso variabile, indica due tassi d’interesse, tasso ” Floor”, che in inglese significa ” pavimento “, indica una misura minima al di sotto della quale non si scende anche se il mercato dovesse avere un andamento migliore, e il tasso ” cap “, ovvero un tetto massimo oltre il quale la rata del mutuo non può crescere, questo rappresenta un vantaggio perchè già alla stipula del contratto il cliente è a conoscenza del valore massimo che può raggiungere la rata del mutuo.

Uno degli svantaggi è però dato dal fatto che solitamente le banche richiedono una copertura assicurativa che oscilla tra la misura dello 0,50% e 0,70% quindi al tetto cap, bisogna aggiungere questa misura, solitamente nel contratto preconfezionato le banche inseriscono già nel calcolo tale copertura assicurativa, questa è una sorta di sicurazza per la banca, perchè se anche i tassi d’interesse nel mercato finanziario, vanno oltre la misura massima prevista nel tasso cap, la banca ha già provveduto in anticipo a cautelarsi da eventuali perdite. Inoltre, spesso non si applica il tasso Floor e in questo caso può risultare un vantaggio.

L’altro svantaggio si ha nel caso in cui il tasso d’interesse scenda oltre la misura indicata nel tasso d’interesse floor, in questo caso si pagano più interessi di quelli dovuti nel caso in cui fosse stato stipulato un tasso d’interesse variabile senza limiti. Minore è il tasso cap, maggiore è il risparmio. Questo tipo di contratto conviene soprattutto a chi stipula contratti di mutuo a lunga durata. Risulta essere consigliato soprattutto se il tasso cap non supera il 6%, oltre tale misura potrebbe diventare svantaggioso, in quanto il tasso variabile difficilmente supera tale misura in modo eccessivo, ma almeno con il tasso variabile comune non si ha lo svantaggio di avere l’indicazione del tasso floor.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *